AMValli1
Presso la scuola vengono organizzate conferenze periodiche, in orario curricolare per gli allievi, oppure il pomeriggio o la sera per genitori e famiglie.
Gli argomenti trattati vertono su approfondimenti culturali o su materie di attualità, in particolare i grandi temi etici e filosofici.

Conferenza con Giuseppe Fornari

fornari stimateLunedì 6 febbraio il prof. Giuseppe Fornari ha tenuto una conferenza agli studenti dal titolo Nietzsche e il problema della mediazione divina in Aula Santi Veronesi. È stato trattato in modo particolare il tema della morte di Dio, contenuto nel celebre aforisma 125 della Gaja Scienza, uno dei più celebri passi filosofici di tutti i tempi. In questo brano, lucido e visionario al tempo stesso, secondo lo studioso, che ha dedicato al filosofo tedesco il libro Il caso Nietzsche, viene rivelata la profonda differenza tra Dioniso e Cristo e profetizzata la situazione culturale dei nostri tempi. Essa si caratterizza non tanto dall’assenza di Dio, come comunemente viene letto il passo citato, ma dalla lotta tra la ricerca spasmodica di capri espiatori, che ripete il rito sacrificale tipico del mondo antico e rappresentato dal dio Dioniso, e che conduce a sempre nuove e terribili violenze, e l’annuncio cristiano di un Dio crocifisso, che rende giustizia a tutte le vittime.

L’incontro è stato organizzato dall’Associazione di filosofia Sed Contra in collaborazione con il Centro culturale san Gaspare Bertoni.

Il prof. Alessandro Cortese ha intervistato il prof. Fornari: per vedere il video dell’intervista clicca qui

 Stefano Lorenzetto alle Stimate

lorenzetto stimate 26 gennaio 2017Stefano Lorenzetto, giornalista veronese di chiara fama, cofondatore del quotidiano nazionale “La Verità”, l’unico in edicola a 1 euro, ha intrattenuto ed affascinato i trecento liceali radunati in aula magna giovedì 26 gennaio 2017, per oltre due ore. Incalzato fin dall’inizio dal Presidente della Giunta Provinciale degli Studenti, il nostro Edoardo Poli, di quarta liceo scientifico, e successivamente da Pietro Picogna, di seconda liceo classico, da Andrea Cussolotto, di quarta liceo scientifico, e da altri ancora, il Lorenzetto ha raccontato ai giovani di quanto sia difficile scovare la verità tra le righe dei giornali, soprattutto perchè chi vi scrive deve rispondere ad un Editore proprietario il quale ha spesso interessi particolari in alcuni o in molti ambiti. Lorenzetto e Maurizio Belpietro hanno voluto fondare un giornale, per l’appunto, senza un Editore. Particolarmente toccante per tutti il momento in cui Lorenzetto si è fermato, commosso con le lacrime agli occhi, dopo aver raccontato la storia vera di uno dei suoi tipi speciali, cui ha dedicato le famose Interviste a tutta pagina sul Giornale per oltre vent’anni: “mi capita sempre – ha detto – di commuovermi perchè ogni persona è speciale, soprattutto quelle che non finiscono mai sui giornali”. Splendido e accorato il messaggio che ha lanciato alla giovane assemblea dopo aver illustrato la crisi antropologica in cui versa la società mondiale: “Ringraziate i vostri genitori che vi hanno iscritto in una Scuola come questa che crede in Dio! La causa di tutti i mali di cui sentite parlare sui giornali è proprio la visione materialista della vita. Una Scuola che crede in Dio ha già il valore aggiunto necessario per educare.”

Gianna Jessen alle stimate

Gianna Jessen è stata ospite della nostra scuola mercoledì 30 novembre 2017, dialogando con i nostri studenti.

Gianna Jessen alle Stimate

Le Stimate sono state l’unica scuola veronese toccata dal suo tour in Italia. Una giornata memorabile!

E’ stata una testimone eccezionale della bellezza e del valore della vita. Gianna Jessen, californiana, nata il 6 aprile 1977, sopravvissuta all’aborto con soluzione salina, porta ancora i segni della tragica esperienza e gira il Mondo a raccontare la sua storia, più unica che rara, definendosi “bambina di Dio” e “figlia del Creatore del Mondo”. Grazie alla prof.sa Alessandra Bombana che ha fatto da interprete, Jessen ha potuto incantare gli studenti dei quattro licei per quasi due ore con le sue parole di gioia, di perdono, di amore e di sfida. Ha proposto a tutti i presenti una vita di “cose straordinarie”, rispettando le diverse vocazioni degli uomini  e delle donne. E’ stata una lezione di Vangelo vivo per i nostri ragazzi, condito con un po’ di umorismo e una vivida intelligenza femminile delle cose.

Le frontiere delle neuroscienze

carraraMartedì 2 febbraio 2016 p. Alberto Carrara, dell’Università Europea di Roma, ha dialogato con gli studenti delle quarte e quinte Liceo sul tema “Le frontiere delle neuroscienze”: per saperne di più clicca qui.

L’incontro è il secondo di un ciclo sull’enciclica “Laudato si’”.

Abbiamo infatti proposto una serie di approfondimenti che hanno come motivo ispiratore la frase del documento: «Non possiamo ignorare che l’energia nucleare, la biotecnologia, l’informatica, la conoscenza del nostro stesso DNA e altre potenzialità che abbiamo acquisito ci offrono un tremendo potere. Anzi, danno a coloro che detengono la conoscenza e soprattutto il potere economico per sfruttarla un dominio impressionante sull’insieme del genere umano e del mondo intero. Mai l’umanità ha avuto tanto potere su sé stessa» (Laudato si’, §104).

 

Costanza Miriano alle Stimate

IMG_3364 ritaglio

Venerdì 22 gennaio 2016, nel contesto della Festa Patronale dell’Istituto, Costanza Miriano, giornalista, moglie, madre, scrittrice, è stata presente presso la nostra scuola, nel pomeriggio per un laboratorio di giornalismo con gli studenti dei Licei, mentre alla sera per una conferenza sul tema “Marito e moglie, un viaggio per sempre”.

“Non conosco nessuno che, se davvero determinato e deciso ad impegnarsi, non abbia visto realizzare i propri sogni.” Non ha dubbi Costanza Miriano, la già giornalista di Rai3 ed ora di RaiVaticano, moglie e mamma, quando si rivolge ai ragazzi delle Stimate, giunti ad incontrarla nel pomeriggio del 22 gennaio per conoscere più da vicino il mondo del giornalismo.

Oltre a qualche consiglio pratico su come rendere efficace un testo scritto e su come orientarsi nel mare magnum dell’informazione, tra web, carta stampata e tv, Costanza ha fatto arrivare il suo incoraggiamento a questa generazione, capace di riconoscere il vero e il bello in ciò che li circonda forse più di noi adulti, capace ancora di sognare e di lottare per i propri sogni.